Home > Attività > EROI DI CARTA E DEL PROFONDO: la psicoanalisi e il fumetto
18 Marzo 2017

EROI DI CARTA E DEL PROFONDO: la psicoanalisi e il fumetto

Eroi di carta e del profondo: la psicoanalisi e il fumetto
La possibilità di narrare ed immaginare la nostra storia  personale in ogni momento della vita è una attività spontanea che se orientata a nostro vantaggio può determinare la differenza tra sofferenza e appagamento nel rapporto con noi stessi.
Avere l’occasione di confrontarsi con il tema amplifica e inserisce in uno sfondo più ampio questa esigenza che nel nostro tempo ha preso una connotazione quotidiana.
Psicologia e narrazione di sé è un tema che è stato declinato in molteplici forme, anche  se  una in particolare  è particolarmente cara soprattutto nell’adolescenza ovvero il fumetto, che offre la possibilità di narrare con immagini e con parole una  vicenda ed una trama che nel profondo si radica in emozioni vissuti e passioni. Oggi in una società appiattita nella dimensione bidimensionale dello schermo di un pc o di un telefonino, è fondamentale per i ragazzi ripartire dalla mitologia dell’eroe che come accade nei fumetti è una figura spesso complessa. Non c’è infatti un eroe solo vincente e super umano, ma c’è spesso un ragazzo o un uomo che assieme ai super poteri o a qualità straordinarie racchiude in sé fragilità ed insicurezze che lo rendono terribilmente e profondamente umano, molto più contrastato ed ambivalente nei vissuti che lo coinvolgono, come per l’appunto capita in adolescenza.
Occuparsi del fumetto come forma narrativa, come forma d’arte, e leggerlo approfondendo la tematica eroica, rende possibile l’ avvicinarsi a questo mondo complesso e spesso incompreso, che oggi come ieri spaventa ed affascina: l’adolescenza.
Esiste infatti un enorme smarrimento, una carenza di immagini positive e di punti di riferimento od esempi a cui riferire, e nella nebbia ci si sente più vulnerabili, ed è questo che accade nei giovani oggi e negli adolescenti in particolare, i quali si trovano a cercare nella nebbia figure di ispirazione che indichino una strada-
Ed è per questo che il fumetto può rivelarsi un punto di vista e di osservazione particolare per avvicinare ed avvicinarsi alle fragilità ed all’enorme potenziale che questo particolare periodo della vita, potenziale trasformativo che in noi tutti è stato, od è,  racchiuso.
 
INTERVENGONO
Dott. Andrea Vianello, psicologo psicoterapeuta junghiano, vice presidente associazione Anadiomene
Dott. Eros Lancianese, psicologo psicoterapeuta junghiano
 

Richiedi Informazioni Condividi su:
Facebook Nxn
Twitter Nxn
Whatsapp
Telegram
Email
18 Marzo 2017

via Caccianiga 5 Treviso

"Ogni umana attività è indotta dal desiderio"
Bertrand Russell